Esperienza di birdgardening in giardino

Di: Samuele Pesce - Foto: Samuele Pesce - Pubblicato il: 05/06/2008

Cinciarella (Parus caeruleus) mentre mangia arachidi

Cinciarella (Parus caeruleus) mentre mangia arachidi - Foto Samuele Pesce

Abito in un piccolo paese dell'Appennino Tosco-Emiliano, dove sono nato e cresciuto.

Fin da bambino ho sempre avuto una sensibilità particolare per la natura che mi circonda e non perdevo occasione per osservare insetti, fiori e uccelli, emozionandomi per ogni nuova scoperta.

Negli anni non sono cambiato, l’amore e il rispetto per la natura è rimasto invariato e tutto ciò lo ritengo una grandissima fortuna.

Ancora adesso dedico molto tempo all'osservazione della natura e mi emoziono ad ogni sua manifestazione.

Ho maturato una mia filosofia personale che si riassume in poche semplici parole: rispetto per la vita.

In seguito ho scoperto che persone come Albert Schweitzer hanno dedicato una vita intera per diffondere questo modo di pensare, e per lui e per chiunque metta così tanto di sé al servizio di una causa così nobile ho una profonda ammirazione.

Credo, inoltre, che tutti noi abbiamo un grosso debito con la natura e che ogni volta che accendiamo una lampadina, accendiamo l'auto, usiamo della carta, insomma ogni nostro gesto quotidiano, contribuisca ad aumentare questo debito, e che quindi ognuno debba sentire come dovere il fatto di restituire qualcosa di quello che sottrae.

Non credo che tutti debbano diventare attivisti, credo semplicemente che nel quotidiano si debba dare una mano con piccoli gesti come risparmio energetico, raccolta differenziata e rispetto della natura.

Chi se non io, avendo a disposizione un giardino, avrebbe potuto praticare birdgarden?

A dire la verità ho sempre dato un pò di cibo agli uccelli.

Merli, passeri e pettirossi sono qui intorno da sempre e li considero un pò come di famiglia.

Da quando mi sono trasferito nella casa adiacente però il mio interesse è aumentato, probabilmente per il fatto di avere delle finestre con un'ampia visuale che mi garantiscono un ottimo punto di vista sul giardino e quindi mi offrono la possibilità di osservare gli uccelli che in cerca di cibo trascorrono le loro giornate a razzolare tra il terreno o a volare tra i rami degli alberi.

Ricordo ancora l'emozione di vedere tre cinciarelle che si rincorrevano e giocavano tra i rami del castagno, i loro colori e la loro grazia mi hanno colpito a tal punto che ho cominciato ad acquistare libri sugli uccelli, a raccogliere informazioni e a costruire mangiatoie.

Nella mia continua ricerca di informazioni ho scoperto il sito hobby uccelli dove grazie anche al forum e al canale tematico birdgardening sono riuscito ad ampliare le mie conoscenze sugli uccelli e sul birdgarden.

Le preziose informazioni ricevevate navigando nel sito mi hanno permesso di fornire il cibo più adatto in base alle diverse esigenze e gli ospiti sono aumentati alati di conseguenza.

Mi reco nei negozi specializzati e acquisto semi di girasole e mix di semi per canarini e per fringillidi, mescolo il tutto aggiungendo anche noci e noccioline e uva secca tritate e inserisco il tutto nelle mangiatoie, a parte metto anche un pò di pastone per insettivori, tanto gradito al pettirosso.

Network

Deda Web - Soluzioni avanazate per il web Annunci Natura Trova Natura - La natura a portata di mouse