Tavola di Felch

Il forum dove discutere di genetica negli uccelli e di tutte le sue problematiche...

Moderatore: Giulio G.

Bloccato
giuseppe2603
Messaggi: 1426
Iscritto il: 12 marzo 2007, 15:07
Località: Milano

Tavola di Felch

Messaggio da giuseppe2603 » 9 ottobre 2007, 20:38

Caro Marco..l'hai messa??...ora ce la spieghi... :lol: :lol:

[albumimg]2901[/albumimg]

Grazie.

ASSISTENZA CLIENTI

tel: 0823 14 99 478
cell: 389 24 90 671
shop@hobbyuccelli.it

Hobby Uccelli Shop

Per i tuoi acquisti ornitologici affidati ai professionisti!
Su Hobby Uccelli Shop trovi solo i migliori prodotti ed accessori per uccelli.
Prodotti disponibili in pronta consegna con SPEDIZIONE GRATIS in tutta Italia.
Vai al negozio online
viky30
Messaggi: 190
Iscritto il: 19 agosto 2007, 16:35
Località: puglia

Messaggio da viky30 » 9 ottobre 2007, 20:41

..e come se fossi alle elementari, grazie!! :wink: :D
[i][color=#FF8000]"... dammi la Serenità di accettare le cose che non posso cambiare;[/color]
[color=#FF4000]il Coraggio di cambiare le cose che posso cambiare;[/color]
[color=#FF0000]la Saggezza per distinguer le une dalle altre "[/color]
[/i]

marco62
Messaggi: 2749
Iscritto il: 12 settembre 2007, 17:45

Messaggio da marco62 » 10 ottobre 2007, 16:12

Per poter individuare il grado di consanguinità genetica dovremmo attribuire a ciascun soggetto un codice facilmente memorizzabile che ci permetterà di individuarlo facilmente. Avendo fino a 13 linee di sangue potremmo individuarle con la seguente coppia di lettere di cui la prima individua il maschio e la seconda la femmina ed in aggiunta il numero della tabella che ci permetterà l'individuazione del grado di consanguineità. Le coppie di lettere utilizzabili saranno:

AB CD EF GH IJ KL MN ÑO PQ RS TU VX YZ

Come dicevo, la prima lettera individua il maschio e la seconda la femmina: facciamo l'ipotesi di iniziare una selezione in consanguineità con il maschio A e la femmina B, per migliore comprensione della tabella; A il maschio viene individuato come M1 (Maschio 1) e la femmina; B come F2 (Femmina 2) denomineremo quindi il maschio A-1 e la femmina B-2; i discendenti di questa coppia saranno denominate AB-3 (F3 ed M3), e consultando la tabella constateremo che il prole ha un 50% di sangue/genoma maschile A ed un 50% di sangue/genoma femminile B.

Facilitando l'operazione se parlassimo di A-1 capiremmo al volo che trattasi di un maschio e se lo accoppiassimo ad AB-3, i discendenti di questo accoppiamento saranno AB-4, che avranno un 75% di sangue/genoma di A e un 25% di sangue/genoma di B.

Se gli allevatori che utilizzano la tabella di Felch per gli accoppiamenti consegnassero all'acquirente la scheda di pedigree sapremmo che l'allevatore alleva in consanguineità ed in caso di ulteriori o successivi acquisti dallo stesso allevatore una scheda EF 8 ci farebbe capire prima che il soggetto è nato in consanguineità seguendo la tabella di Felch e che ha il 12,50% di sangue/genoma del maschio E e l'87,5% di sangue/genoma della femmina F la successiva deduzione è che il padre è EF-5 che ha il 25% di sangue/genoma di E ed il 75% di sangue/genoma di F e che la madre è F-2 portante il 100% di sangue/genoma iniziale femminile. Se questo sistema della doppia lettera alfabetica fosse messo in uso anche avendo parecchie linee di sangue/genoma avremmo sempre un quadro chiaro della situazione senza dover necessariamente consultare le schede di pedigree.

Una ulteriore sofisticazione del metodo consiste nell'inserire accanto alle due lettere identificative della linea consanguinea i punteggi ottenuti in mostra (o la media dei punti ottenuti) dai singoli soggetti costituenti l'origine del ceppo consanguineo (o della prole) Quindi, ad esempio l'indicazione A93 B90 -4, indicherà l'alto valore dei capostipiti , ed anche se detto AB-4 non ottiene neppure 87 punti sarà sempre portatore delle buone caratteristiche del padre e dei nonni (75%) e della nonna nella minore proporzione (25%)

La corretta messa in pratica della tavola di Felch può aiutare il selezionatore preoccupato di migliorare il suo aviario, facendo entrare in consaguineità gli esemplari le cui caratteristiche significative valgono la pena di essere fissate, anche al prezzo di perdere un pò di vigore e di dimensione. Lo scopo finale di questo processo è di fissare i caratteri nei nostri uccelli, che in un'altro modo possono scomparire

Per compensare la perdita di vigore e di dimensione è consigliabile lavorare con due o tre linee di caratteristiche simili, o in collaborazione con un altro allevatore, ripartendo il lavoro tra tutti e due, per scambiarsi gli uccelli e per incrociarli in seguito.

Alla fine, mescolando le due linee si recupera la il vigore e la resistenza persa, proprio nel momento di iniziare appena una nuova linea consanguinea.



Un piccolo riepilogo della tabella.

Abbiamo accoppiato I due soggetti più standard possibili che sono M1 ed F2.

Dei relativi pullus (3), abbiamo selezionato il miglior maschio M3 e la migliore femmina F3 e li accoppiamo con i propri genitori.

Di questo ultimo incrocio che genererà gli esemplari (4 e 5) si continua la selezione in consanguineità come indicato nel grafico e sempre selezionando le migliori caratteristiche, fino ad ottenere la selezione finale (da 14 a 18), e pronti per iniziale la nuova linea consanguinea.

Quando saremo giunti alla quinta generazione si sarà raggiunto il risultato finale, che sarà un risultato variabile, in base alla scelta iniziale dei capostipiti (1 e 2) e dell'esatta scelta dei discendenti.

Quante volta abbiamo accoppiato dei soggetti eccellenti ed i pullus generati sono "scarsi" rispetto ai genitori? Con questo metodo, abbiamo l'opportunità di applicare questa tabella e per provare ad ottenere soggetti che abbiamo le stesse "migliori" caratteristiche di uno o di entrambi i progenitori.

Continuiamo ad insistere sul fatto che come norma generale, non occorre essere favorevoli alla consaguineità, a meno che si sia un esperto, poiché è molto facile errare negli accoppiamenti ed occorre sapere ciò che si fa; ricordiamo inoltre ancora che la consanguineità produce una riduzione delle dimensioni, insufficienza immunitaria, moltiplicazione di difetti, perdita degli istinti atavici (riproduzione ed allevamento.), ecc.

Si consiglia di applicare la Tabelle di Felch, a soggetti effettivamente perfetti e degni di replicare le migliori caratteristiche.
tutto questo dal club italiano canarino lancashire

marco62
Messaggi: 2749
Iscritto il: 12 settembre 2007, 17:45

Messaggio da marco62 » 10 ottobre 2007, 16:15

se a qualcuno interessa ho un programma x la gestione allevamento mi è stato dato a titolo gratuito e posso cederlo a titolo gratuito
chiunque ne verrà in possesso lo potrà cedere ad altri esclusivamente a titolo gratuito
fatemi sapere se vi interessa e come posso fare x mandarvelo

Giulio G.
Moderatori
Moderatori
Messaggi: 8901
Iscritto il: 28 marzo 2005, 0:31
Località: Modena, ma Bolognese !

Messaggio da Giulio G. » 10 ottobre 2007, 19:30

Ci sono 3 topic con lo stesso argomento, questo lo chiudo, si prosegue con "Consanguinità" di Anto78.
Ciao.Giulio G.


Piano piano,senza fretta,un passo alla volta.

Bloccato