accoppiamento vari consigli

Il forum dove discutere di genetica negli uccelli e di tutte le sue problematiche...

Moderatore: Giulio G.

Rispondi
devis
Messaggi: 707
Iscritto il: 29 maggio 2007, 15:47

accoppiamento vari consigli

Messaggio da devis »

ciao a tutti
io sono un allevatore "" e faccio circa 30-40 canarini e ibrini l'anno con circa 10-15 coppie ripproduttive....
sono tre anni che allevo canarini....
fin ora ho sempre fatto le coppie a caso cioè esemplari belli x esemplari belli e sono sempre stato fortunato perche hanno quasi sempre reso bene
comunque adesso vorrei farmi un criterio....
apparte gli imbridi e i pezzati.. allevo solo mosaici...
tenute le 4-5 coppie vecchie dell'anno scorso devo sceglierne altre 5-6 tra i novelli...
come fare???
come abbinarli??? ho una vasta scelta oltre 30 novelli


questi in origine derivano da due sole coppie..... ma anno per anno sono stati incrociati con esemplare nuovi.... non dovrebbero esserci problemi di consaguinità???? da che grado ci sono problemi di consaguinità???
se incrociassi due esemplare che avevano il nonno e la nonna comune
ma derivanti da genitori incrociati con altri esemplari ci sarebbero problemi????

aspetto risp grazie

ASSISTENZA CLIENTI

tel: 0823 14 99 478
cell: 389 24 90 671
shop@hobbyuccelli.it

Hobby Uccelli Shop

Per i tuoi acquisti ornitologici affidati ai professionisti!
Su Hobby Uccelli Shop trovi solo i migliori prodotti ed accessori per uccelli.
Prodotti disponibili in pronta consegna con SPEDIZIONE GRATIS in tutta Italia.
Vai al negozio online
devis
Messaggi: 707
Iscritto il: 29 maggio 2007, 15:47

Messaggio da devis »

nessuno mi puo aiutare?
Fausto
Messaggi: 2742
Iscritto il: 16 luglio 2006, 19:29

Messaggio da Fausto »

Ciao devis, ti copio e incollo ciò che ho scritto in un altro topic di questa sezione.

L'allevatore che vuole costituirsi un ceppo omogeneo deve per forza selezionare in consanguineità.
La consanguineità non è quello spauracchio per cui nascono i soggetti a tre zampe e con due teste ma è una scorciatoia per far risaltare le caratteristiche positive e negative dei soggetti e l'accoppiamento tra fratelli è la via più breve dal momento che condividono lo stesso patrimonio genetico.
Determinati geni negativi possono starsene latenti salvo manifestarsi nella prole quando il medesimo gene negativo "dormiva" nel genotipo dell'altro parnter.
Ecco perchè operando in consanguineità se dopo almeno tre generazioni la prole dei tuoi soggetti sarà priva di tare ereditarie puoi star tranquillo di aver conseguito un ceppo stabile e sano.
Ogni individuo che manifesti qualsiasi carattere negativo è assolutamente da eliminare ( eliminare = non impallinarlo per poi farlo arrosto ma semplicemente non utilizzarlo come riproduttore ).
Come giustamente ha detto Giulio, nell'avvicendarsi delle generazioni il corredo genetico si andrà "assottigliando" sempre più, ecco perchè ogni tanto bisogna immettere sangue "fresco", per "rimescolare" il corredo genetico grazie al "vigore ibrido".
Attenzione però perchè ci possono essere brutte sorprese dietro l'angolo. Immetti si del sangue fresco ma è altrettanto vero che farai condividere il corredo genetico "collaudato" dei tuoi soggetti con quello di un soggetto del quale tu non sai assolutamente niente.
Per assurdo, ripeto per assurdo, quel soggetto che ti sei portato a casa come riproduttore potrebbe essere l'unico esemplare sano di una nidiata di esemplari nati con tre zampe e due teste. Che ne sai ?!!
Ci sono due possibilità : prendere un riproduttore da una persona che conosci bene e che sai che seleziona in consaguineità ( perchè in consanguineità ? Perchè potresti aver portato a casa un campione nato da soggetti mediocri, insomma un campione per fattore c... e che mai e poi mai sarebbe in grado di trasmettere le sue caratteristiche positive alla prole, mentre se è frutto di selezione tra consanguinei avrà un patrimonio genetico esente da tare perchè già manifestate in quei soggetti che sono stati scartati e non fatti riprodurre ) oppure fai tutto da solo selezionando due linee parallele ( scartando ovviamente le "impurità" ) e dopo tot anni le incroci tra loro ottenendo il duplice beneficio di avere sangue "fresco" ma da soggetti il cui albero genealogico conosci benissimo e che sai non potranno farti alcun scherzo.
[b][color=#4040FF]RNA 29HM[/color][/b]
[color=#4040FF][i]" Meglio stare zitti e dare l'impressione di essere stupidi, che aprir bocca e togliere ogni dubbio "[/i][/color] - J. J. Rousseau
[color=#FF0000][b]No messaggi privati, per favore. Le domande vanno postate nel forum. Grazie[/b][/color]
Giulio G.
Moderatori
Moderatori
Messaggi: 9293
Iscritto il: 28 marzo 2005, 0:31

Messaggio da Giulio G. »

Ciao Devis, anche se avevano i nonni in comune, inserendo soggetti diversi è come se non avessi fatto consanguineità.
Per la scelta dei soggetti da tenere in riproduzione, azzardo qualche piccolo consiglio, ( io allevo Gloster) tieni le figlie delle femmine che hanno allevato meglio e deposto più uova, (una F. che depone 3 uova non si tiene, quella che ne fà 5, sì.) Segli i soggetti col piumaggio migliore, con il lipocromo più intenso nelle zone d'elezione, e con meno soffusioni nelle zone bianche.
Ciao.Giulio G.


Piano piano,senza fretta,un passo alla volta.
Rispondi