pulli nutrono madre

Il Forum di discussione sui canarini e sulle sue variazioni

Moderatore: Max585

Rispondi
Deianira
Messaggi: 550
Iscritto il: 29 ottobre 2009, 12:18
Località: prov Reggio Calabria

pulli nutrono madre

Messaggio da Deianira » 10 giugno 2011, 21:00

ciao a tutti, come da titolo, sto vedendo da giorni una cosa stranissima ( o almeno lo è per me alle prime cove). i pulli nati circa 35 giorni fa si nutrono tra loro e portano il cibo pure alla madre che è impegnata in una nuova cova. le fanno visita, la osservano e poi le danno il cibo proprio come fanno i maschi cn le femmine rigurgitandolo. bohhh... è normale? cosa vuol dire questo comportamento? i piccoli sono nati tra il tra l'1 e il 6 maggio. grazie mille

ASSISTENZA CLIENTI

tel: 0823 14 99 478
cell: 389 24 90 671
shop@hobbyuccelli.it

Hobby Uccelli Shop

Per i tuoi acquisti ornitologici affidati ai professionisti!
Su Hobby Uccelli Shop trovi solo i migliori prodotti ed accessori per uccelli.
Prodotti disponibili in pronta consegna con SPEDIZIONE GRATIS in tutta Italia.
Vai al negozio online
raiden-1987
Messaggi: 253
Iscritto il: 12 dicembre 2009, 18:57
Località: Cosenza

Re: pulli nutrono madre

Messaggio da raiden-1987 » 10 giugno 2011, 22:00

Ciao Deianira, direi che è normale che si scambino il cibo tra di loro a volte lo fanno anche per infondersi sicurezza e mantenere un legame, capita anche a me.
UN SALUTO, MATTEO

gnagnax
Messaggi: 2995
Iscritto il: 16 ottobre 2007, 19:23
Località: messina

Re: pulli nutrono madre

Messaggio da gnagnax » 10 giugno 2011, 22:43

ma che fanno i pulli di 35 giorni...ancora con la madre???
[color=#FF0000]Non smettere di cercare ciò che ami o finirai per amare ciò che trovi[/color]

pier lorenzo orione
Messaggi: 17999
Iscritto il: 25 giugno 2009, 15:17

Re: pulli nutrono madre

Messaggio da pier lorenzo orione » 11 giugno 2011, 9:28

non hai paura che defechino nel nido sporcando le uova di feci?sappi che quando sono molto sporche non schiudono piu,quindi ti conviene separarli,la madre non ha bisogno delle loro imbeccate,ma di covare tranquilla.

Saldarini
Messaggi: 34
Iscritto il: 11 giugno 2011, 14:14

Re: pulli nutrono madre

Messaggio da Saldarini » 11 giugno 2011, 17:25

35 gg? spostali dalla madre sono troppo grandi!!! cmq è normale, si aiutano!!!! tu avrai di certo aiutato tua mamma in casa no? lo fanno pure loro!!!

Deianira
Messaggi: 550
Iscritto il: 29 ottobre 2009, 12:18
Località: prov Reggio Calabria

Re: pulli nutrono madre

Messaggio da Deianira » 11 giugno 2011, 19:11

grazie a tutti, li ho lasciati insieme perchè li vedevo imbeccarsi e non ero sicura che mangiassero soli. a questo punto li separerò. cmq non invadono il nido, si limitano a guardare e si mettono sul bordo ( è un nido esterno).

lancashire
Messaggi: 1355
Iscritto il: 15 settembre 2005, 16:17
Località: S.C.V.
Contatta:

Re: pulli nutrono madre

Messaggio da lancashire » 11 giugno 2011, 20:46

Dato che sono di coccio:
Quale è l'effettivo motivo per spostare i novelli se CON GABBIE DECENTI non sporcano il nido?
Grazie per la collaborazione.

Nella mia vasta ignoranza, mi risulta che si fa e si dice così perche tutti dicono così.
lancashire ha scritto:Preso atto che si separano i canarini perchè così si racconta in giro senza ben conoscere le motivazioni, proviamo a fare un pò di chiarezza ... o ad ingenerare ulteriore confusione! [smilie=041.gif]

SEPARARE I CANARINI

Separare i nidacei.

Tra il 15 ed il 20 giorno, dalla nascita, i nidacei inizieranno a lasciare il nido, all'involo del primo nidaceo, è il momento giusto per "trasferire il nido" infatti se si usasse il portanido esterno, si consiglia di predisporre un nuovo nido interno, se si utilizzasse già il portanido interno, si consiglia di spostarlo da un'altra parte nella gabbia, posizionare preferibilmente il vecchio nido; ovvero un nuovo nido gia costruito dall'allevatore in posizione bassa in modo da facilitare ai nidacei il ritorno nel nido ed a disabituarli dalla posizione del vecchio nido che con questa operazione sparirà; chiaramente dovrete provvedere a sistemare in posizione bassa una mangiatoia ed un beverino per accellerare l'opera di svezzamento dei giovincelli,
Normalmente dopo alcuni giorni dall'involo del primo nidaceo se i tempi sono consoni, la madre si predisporrà ad una nuova cova.

Alcuni giorni dopo, all'incirca una settimana verrà posizionato un nuovo nido da cova nella posizione precedente, senza alcun materiale interno ma fornendo nuovo materiale. Avendo provveduto a spostare di posizione il nido ed a fare passare alcuni giorni prima di mettere il nido da cova, i figli si saranno disabituati alla posizione del vecchio nido e normalmente non intralceranno e non sporcheranno il nido in costruzione.

Ma si potrebbe presentare il caso di impossibile convivenza tra la madre che si predispone ad una nuova nidiata ed i novelli (cosa improbabile) e dovendo separare la prole, se la madre ancora non ha deposto il secondo uovo si dovrà dividere la gabbia con l'apposita griglia e mettere i novelli da una parte ed i genitori dall'altra, ma posizionando i posatoi da entrambi i lati alla stessa altezza e relativamente vicini in modo che i genitori possano imboccare i figli attraverso la grata. Se la madre avesse già deposto il secondo uovo la grata separerà da un lato maschio e prole e dall'altra la madre.

Normalmente la maggioranza degli allevatori separano con una griglia maschio e femmina da una parte e figliolanza dall'altra parte della gabbia.

Ma la situazione di impossibile convivenza è quasi sempre dovuta a cause create da noi; verifichiamo le cause e gli opportuni rimedi.

Gabbie piccole = è pacifico che in una gabbia da 45 cm. i ristretti spazi costringeranno inevitabilmente la figliolanza ad invadere il nido in costruzione.

Spiumatura figli = è pacifico che la madre cercherà di rendere il nido il più accogliente possibile per i nuovi nati ... e quale migliore materiale ha disponibile se non quello del piumino e della coda dei figli? potete utilizzare oltre il normale materiale che fornite, altro materiale "morbido" in mancanza di tutto esiste il rimedio del materiale morbido consistente in pezzettini di carta igienica, la madre smetterà di spiumare I figli ed utilizzerà la carta igienica più morbida e più semplice da prelevare!

Il padre che becca i figli = questa situazione normalmente non si verifica quando i figli sono fuori dal nido ma quasi sempre quando sono nel nido, il padre vuole riaccoppiarsi ed i figli sono un impedimento, è quello l'unico caso in cui necessita effettivamente la separazione, inserire nella gabbia la griglia di separazione e se i figli non sono ancora usciti dal nido separare il maschio al di la della griglia.

Il mio personale metodo avendo gabbie da cova decenti è quella di lasciare tutta la famiglia unita.



Separare i novelli

All'incirca tra il 30 ed il 35 giorno dalla nascita la prole sarà svezzata ed i novelli mangeranno i semi da soli.

La teoria applicata normalmente è quella di di attendere lo svezzamento del ritardatario della nidiata e di trasferire solo in quel momento tutti insieme i nidacei in un gabbione o in una voliera per permettere il rinforzo della muscolatura.

Normalmente questo sistema è applicato da quasi tutti gli allevatori .

Ma avendo sempre gabbie che possono permettere la convivenza sarebbe opportuno non effettuare il trasferimento e lasciare la famiglia unita anche in presenza della successiva covata, le motivazioni se i figli come dovrebbe essere, non disturbano è di dare l'opportunità ai novelli di essere presenti alla fase delle successive nascite, del successivo imbecco e svezzamento, IMPRINTING si provvederà solo all'atto dello svezzamento della covata successiva all'immissione in gabbioni o voliera della figliolanza della covata precedente e si ripete il ciclo.

Il mio personale metodo avendo gabbie da cova decenti è quella di lasciare tutta la famiglia unita fino allo svezzamento della covata successiva.



Separare i novelli & genitori.

È bene suddividere per sesso i canarini, durante la stagione autunno-invernale, disponendo le femmine a gruppi in gabbioni e voliere ed i maschi in gabbie singole, così che non litighino tra loro e la clausura in isolamento li predisponga meglio alla stagione degli amori. Questo chiaramente non nel caso di una singola coppia dove l'unico problema sarà il mancato canto del maschio. Il separare i canarini può essere utile in quanto i maschi a parità di durata della luce vanno in forma amorosa con qualche giorno di ritardo; per rimediare a questo problema i maschi separati dalle femmine possono essere sottoposti autonomamente ad un fotoperiodo più lungo.
Subito dopo il termine delle cove se il fotoperiodo è consono, interviene il periodo della muta e di sopore sessuale, è in questo periodo che i canarini potrebbero essere separati.

Circolano svariate teorie sulla separazione dei canarini e la più diffusa è “io faccio così … mi trovo bene quindi come faccio io è giusto”
Ma ci sono svariati "comportamenti giusti" verifichiamoli!

1) Dopo le cove non separano i canarini.

2) Dopo le cove separano i canarini in 3 gabbioni con questo criterio

1° gabbione maschi adulti,

2° gabbione femmine adulte,

3° gabbione novelli con sesso indistinto

3) Dopo le cove separano i canarini con questo criterio

1° gabbione femmine adulte & novelli

gabbie singole per i maschi

4) Dopo le cove separano i canarini con questo criterio

Maschi e femmine con uno dei 3 sistemi di cui sopra

Novelli in gabbie singole



Motivazioni di questa procedura.

sistema i canarini restano più affiatati e quindi avranno migliori cove

sistema i maschi si caricheranno sessualmente e non produrranno uova chiare

sistema i maschi sono aggressivi tra di loro e quindi è preferibile tenerli separati.

I novelli dovendo partecipare alle mostre non possono convivere in gabbioni.



Quale è il giusto metodo? La domanda ha necessità di svariate considerazioni anche in relazione alla tipologia di canarino, del proprietario e dei risultati da ottenere.

Dati certi:

A) Volendo far terminare le cove uno dei metodi usabili è quello di trasferire la gabbia in altra posizione o di spostarli in voliera,

B) I canarini dopo le cove hanno necessità di spazi più ampi possibili e di esercizio al volo per migliorare gli organi riproduttivi.

C) I canarini dopo le cove al diminuire del fotoperiodo entrano in muta e subentra un periodo di sopore sessuale.

D) I canarini probabilmente dovrebbero “ricaricarsi” sessualmente per le successive cove.

E) La femmina è pronta quando depone uova, il maschio normalmente è pronto all'accoppiamento una ventina di giorni dopo la femmina.

F) I canarini da esporre in mostra dovranno essere sottoposti ad uno specifico allenamento alle mostre.

.

Dividiamo i proprietari di canarini in due grosse categorie, Amatori e Selezionatori.



Amatori con massimo tre di coppie di canarini tenute per diletto:

In questo caso, le coppie possono non essere separate ed il risultato sarebbe un maggior affiatamento di coppia, ma probabilmente la prima covata potrebbe produrre uova infeconde in quanto le femmine depongono anche senza presenza del maschio e le femmine recepiscono in maniera maggiore il fotoperiodo e sono pronte all'accoppiamento una ventina di giorni prima dei maschi ed essendo la coppia in un'unica gabbia, sarebbe difficile sottoporre il maschio ad un programma di luce aggiuntivo.



Selezionatori di canarini.

In questo caso si dovrebbero trasferire le coppie in una voliera la più ampia possibile, non ci saranno problemi di litigi se sufficientemente grande, ma in ogni caso si consiglia di utilizzare separatori antistress sui posatoi. Non disponendo di una unica grande voliera ma di gabbioni e dovendoli separare per gruppi può essere utilizzata la tecnica di divisione per sesso.

I novelli dovrebbero usufruire di un’altra voliera e quelli che sembrano meglio predisposti alle mostre dovrebbero essere separati in gabbie singole per permetterne una migliore muta, minore stress (se sussistesse un problema di disponibilità di gabbie ricordare che i canarini se non sono coppie possono essere tenuti 3 per gabbia, sembra strano ma 2 litigano 3 non litigano) ed accoppiando la gabbia ad una da mostra iniziare a sottoporli allo specifico allenamento da gara.

I maschi se in voliera, 2 mesi prima delle cove (o prima … quando iniziano ad entrare in competizione) andranno trasferiti in gabbie singole e circa 20 giorni prima dell’accoppiamento andranno sottoposti ad un incremento di periodo di luce.

Le femmine una quindicina di giorni prima dell'accoppiamento andranno separate in gabbie singole da cui possano vedere esclusivamente il maschio selezionato (se fosse possibile far sentire solo il canto del maschio selezionato per lei sarebbe il massimo); quando la femmina avrà iniziato la vera costruzione del nido e salterà nervosamente da un posatoio all'altro sfarfallando con le ali, sarà il maschio che dovrà essere spostato nella gabbia della femmina

Tratto da "Separare i canarini" Club Italiano Canarino Lancashire
lancashire ha scritto:C.V.D. (come volevasi dimostrare) tra i 5 ed i 6 minuti "calimero" abituato ad essere imboccato dai fratellastri, dimostra l'evidenza! http://www.rione.it/canarini/cardellino ... giorni.wmv
[color=#0000BF][b]Lino[/b] (Non allevatore 46FT) Skype = superelabora[/color]
[color=#BF0000][i]«Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.»

«E' più facile spezzare un atomo che un pregiudizio.»

Albert Einstein .[/i][/color]

Alessandro92
Messaggi: 1559
Iscritto il: 29 agosto 2010, 16:50
Località: Sora (FR), Lazio - L'Aquila, Abruzzo

Re: pulli nutrono madre

Messaggio da Alessandro92 » 12 giugno 2011, 11:47

Veramente io ho utilizzato il tuo metodo, ma i pulli sempre a rompere le scatole dalla madre vanno, fortuna che al momento ci sono le uova finte, appena rimetto le vere li separo col padre.
E allevo in gabbie da 90 cm e ho usato i nidi interni. Immagine
Alessandro
Ex Allevatore di:
Canarini Giallo Mosaico - Linea Maschile
Canarini Giallo Mosaico - Linea Femminile
Canarini Avorio Giallo Mosaico - Linea Maschile
Canarini Avorio Giallo Mosaico - Linea Femminile
EX R.N.A. FOI: 37ST

MASSIMILIANO76
Messaggi: 281
Iscritto il: 22 ottobre 2009, 15:42
Località: GENOVA

Re: pulli nutrono madre

Messaggio da MASSIMILIANO76 » 12 giugno 2011, 13:15

Io quest'anno ho utilizzato il metodo di Lino in gabbie da 55 cm con nidi interni con due coppie, anche perchè per ragioni di spazio non potevo aggiungere altre gabbie.
Risultati:
1) coppia 1: prima cova 4 pulli nati; madre poco autoritaria, invasione nuovo nido da parte dei novelli e nuove uova tutte rotte;
2) coppia 2: prima cova 2 pulli nati; madre molto autoritaria; tutto bene, convivono attualmente nella stessa gabbia i novelli della prima cova con i 3 pulli della seconda cova che oggi hanno compiuto 18 giorni.
Quindi la convivenza è possibile!
Chiaro, più grossa la gabbia e meglio è.......
Ciao a tutti!

Massimiliano

lancashire
Messaggi: 1355
Iscritto il: 15 settembre 2005, 16:17
Località: S.C.V.
Contatta:

Re: pulli nutrono madre

Messaggio da lancashire » 12 giugno 2011, 14:05

Il "trucco" stà in:
> possibilmente nidi esterni per le cove;
> possibilmente nidi interni dopo l'involo;
> obbligatoriamente la tempistica appena il primo invola
> obbligatoriamente la posizione diversa del nuovo nido dopo l'involo.
> obbligatoriamente gabbie decenti. (personalmente Lancashire 22 cm (circa) - gabbia da 67, porta-nido esterno da 25 x 25 h 10 ma nido con parte superiore che è a livello della base)
[color=#0000BF][b]Lino[/b] (Non allevatore 46FT) Skype = superelabora[/color]
[color=#BF0000][i]«Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.»

«E' più facile spezzare un atomo che un pregiudizio.»

Albert Einstein .[/i][/color]

Deianira
Messaggi: 550
Iscritto il: 29 ottobre 2009, 12:18
Località: prov Reggio Calabria

Re:

Messaggio da Deianira » 12 giugno 2011, 14:11

Quindi ragazzi, nel mio caso che allevo solo per diletto cosa mi consigliate di fare? I piccoli non danno fastidio alla madre. preferirei tenerli tutti insieme sia per questioni di spazio sia perchè in compagnia sembrano stare meglio. oggi ho spostato un novello in una gabbia da solo. poverino mi ha fatto pena, sembrava paralizzato dalla paura. L'ho rimesso cn la famiglia. ditemi voi ....

spettacolalex
Moderatori
Moderatori
Messaggi: 4192
Iscritto il: 26 giugno 2009, 10:29
Contatta:

Re: pulli nutrono madre

Messaggio da spettacolalex » 13 giugno 2011, 10:57

Io sono dell'idea che più i pulli stanno con i genitori e meglio è!
Quest'anno ho lasciato i pulli con i genitori fino quasi alla schiusa della cova successiva.
Ricevendo cure parentali migliori saranno migliori riproduttori.
La maggior parte delle domande hanno già ricevuto risposte
Si consiglia una ricerca nel forum prima di aprire nuovi topic
Leggete la sezione "I migliori topic sui canarini e consigli di HU"
Saluti
Alex

Deianira
Messaggi: 550
Iscritto il: 29 ottobre 2009, 12:18
Località: prov Reggio Calabria

Re: pulli nutrono madre

Messaggio da Deianira » 13 giugno 2011, 20:31

ho lasciato tutti insieme dopo aver letto tutti i topic anche perchè le uova della seconda covata alla speratura mi sembrano tutte chiare. ho il dubbio per uno. staremo a vedere. oggi erano proprio carini : un novellino ( adesso devo chiamarli così) chiedeva l'imbeccata al padre e subito dopo portava il cibo alla madre nel nido. che tesorino!

pier lorenzo orione
Messaggi: 17999
Iscritto il: 25 giugno 2009, 15:17

Re: pulli nutrono madre

Messaggio da pier lorenzo orione » 14 giugno 2011, 16:40

Ognuno ha i suoi metodi che vanno bene se i risultati sono positivi,però x la mia esperienza ,è sempre opportuno separare i novelli svezzati dai genitori quando questi hanno intrapreso una nuova covata.Certo non è detto che i giovani disturbino o sporchino il nuovo nido,potrebbero anche non farlo,e molti di voi lo confermano.Però il rischio c'è sempre,ricordate che basta una singola cacchetta sulle uova x comprometterne la schiusa irrimediabilmente,infatti a differenza della canarina che quando cova non defeca mai nel nido,i giovani non hanno queste inibizioni,e se gli scappa...la fanno dovunque si trovano.Io personalmente non me la sento di rischiare una covata(spec se si tratta di uova dei ciuffolotti,uccelli che allevo e che hanno anche un certo valore),poi ognuno faccia come crede..

gnagnax
Messaggi: 2995
Iscritto il: 16 ottobre 2007, 19:23
Località: messina

Re: pulli nutrono madre

Messaggio da gnagnax » 14 giugno 2011, 18:45

d'accordo con te pier lorenzo.....anche io uso il tuo stesso metodo....
[color=#FF0000]Non smettere di cercare ciò che ami o finirai per amare ciò che trovi[/color]

Rispondi