Tecnica d'ibridazione

Cardellini,verdoni,ciuffolotti,lucherini,organetti,ecc

Moderatore: lory939

Rispondi
S261097
Messaggi: 263
Iscritto il: 22 marzo 2011, 18:42
Località: Trento

Tecnica d'ibridazione

Messaggio da S261097 » 13 agosto 2013, 8:15

Buongiorno a tutti,
Quest'anno grazie ai vostri consigli, in particolare di pierlorenzo, sono riuscito ad ottenere 3 ibridi (carpodaco x canarina) dei quali posterò le foto più avanti dopo la muta.
Durante la prossima stagione vorrei tentare le seguenti ibridazioni:
-cardellino x canarina
-lucherino x canarina
-cardinalino del Venezuela x canarina (che tipo di canarina va usata?)

Mi trovo però in difficoltà riguardo alla tecnica da usare...
-infatti alcuni dicono che è meglio unire la coppia dopo la muta in modo che i due imparino a conoscersi...
-alcuni che è meglio tenere i maschi indigeni in una gabbia da soli...
-altri dicono di metterli in gabbia con canarini maschi in modo che litighino fra loro e riconoscano la specie dei canarini ''vicina a loro''.

Avevo pensato di mettere il cardinalino (che già possiedo), il cardellino e il lucherino tutti insieme in una gabbia con una coppia di canarini che quest'anno ha avuto dei pulli.
Che cosa mi consigliate voi?
grazie in anticipo..
$IMONE

ASSISTENZA CLIENTI

tel: 0823 14 99 478
cell: 389 24 90 671
shop@hobbyuccelli.it

Hobby Uccelli Shop

Per i tuoi acquisti ornitologici affidati ai professionisti!
Su Hobby Uccelli Shop trovi solo i migliori prodotti ed accessori per uccelli.
Prodotti disponibili in pronta consegna con SPEDIZIONE GRATIS in tutta Italia.
Vai al negozio online
pier lorenzo orione
Messaggi: 17344
Iscritto il: 25 giugno 2009, 15:17

Re: Tecnica d'ibridazione

Messaggio da pier lorenzo orione » 13 agosto 2013, 8:41

come hai potuto notare ,ci sono molte teorie diverse ,e sono tutte valide nel senso che in ibridazione non esistono regole nè schemi prefissati ,va molto a fortuna ma conta anche la sensibilità dell'allevatore che deve essere in grado di valutare le caratteristiche di ogni singolo soggetto e regolarsi in base al suo comportamento nei confronti del partner.X esempio ,se la coppia ibrida litiga con violenza anche in inverno ,conviene dividerli con divisorio in rete in modo che riescano ad affiatarsi gradualmente e unirli in primavera,oppure al contrario ,se i 2 si ignorano conviene separarli senza che si vedano in modo che diventino curiosi x il partner,ma ogni soggetto (maschio o femmina) è una storia a sè.Le ibridazioni che hai progettato sono tra le piu semplici,se le coppie vanno d'accordo possono stare assieme tutto l'inverno x conoscersi ed affiatarsi,altrimenti userai il divisorio.X il cardinalino prendi una bella canarina nero rosso intenso.

S261097
Messaggi: 263
Iscritto il: 22 marzo 2011, 18:42
Località: Trento

Re: Tecnica d'ibridazione

Messaggio da S261097 » 17 agosto 2013, 17:53

Ok...
Come farò a contrastare il problema del periodo dell'estro sfasato?
I cardellini e i lucherini vanno in estro dopo i canarini giusto? I cardinalini anche?

Avevo in mente di tenere 2 canarini novelle (2013) in 2 gabbie separate (da sole senza maschio) e di mettere un nido quando ''la coppia ibrida'' inizia il calore in modo passare le uovo ''ibride'' alla novella covatrice che alleverà i pulli ibridi.
Questo per aumentare il numero di uova e di conseguenza le possibilità di avere uova fecondate.
Vi sembra una buona idea?
$IMONE

pier lorenzo orione
Messaggi: 17344
Iscritto il: 25 giugno 2009, 15:17

Re: Tecnica d'ibridazione

Messaggio da pier lorenzo orione » 19 agosto 2013, 9:53

si puoi fare anche cosi ,di solito cmq un paio di covate infeconde sono normali a inizio stagione.

S261097
Messaggi: 263
Iscritto il: 22 marzo 2011, 18:42
Località: Trento

Re: Tecnica d'ibridazione

Messaggio da S261097 » 27 ottobre 2013, 15:00

Ciao a tutti ;)
oggi ho unito un cardellino (regolarmente anellato 2013) con due canarine novelle con lo scopo di ibridarli in primavera.
E' possibile secondo voi mettere 2 nidi nella gabbia in modo che il cardellino fecondi entrambi le canarine?
$IMONE

pier lorenzo orione
Messaggi: 17344
Iscritto il: 25 giugno 2009, 15:17

Re: Tecnica d'ibridazione

Messaggio da pier lorenzo orione » 28 ottobre 2013, 10:02

si è possibile se la gabbia è spaziosa(mglio in voliera),i nidi devono essere in n° doppio delle femmine

S261097
Messaggi: 263
Iscritto il: 22 marzo 2011, 18:42
Località: Trento

Re: Tecnica d'ibridazione

Messaggio da S261097 » 29 ottobre 2013, 14:43

Il cardellino logicamente è anellato (comprato ad una mostra)
ma è come impazzino continua a svolazzare in giro non si può nemmeno guardarlo!!!
cosa fare?
$IMONE

pier lorenzo orione
Messaggi: 17344
Iscritto il: 25 giugno 2009, 15:17

Re: Tecnica d'ibridazione

Messaggio da pier lorenzo orione » 29 ottobre 2013, 16:03

si calmerà col tempo ,se è novello è normale che sia agitato ,nel giro di qualche mese dovrebbe già abituarsi alla tua presenza.Tieni presente che se sono vivaci vuol dire che sono sani,quindi meglio cosi ,se lo vedi troppo fermo c'è da preoccuparsi

S261097
Messaggi: 263
Iscritto il: 22 marzo 2011, 18:42
Località: Trento

Re: Tecnica d'ibridazione

Messaggio da S261097 » 31 ottobre 2013, 18:14

adesso si è pure fatto un po' di male sopra al becco perché continua ad andare dentro e fuori dalle sbarre con il becco... sono davvero preoccupato..
$IMONE

Mauro68
Messaggi: 195
Iscritto il: 24 febbraio 2013, 10:34
Località: Trentino

Re: Tecnica d'ibridazione

Messaggio da Mauro68 » 1 novembre 2013, 8:44

Ciao, non ti posso aiutare per quanto riguarda l'ibridazione in quanto essendo contrario preferisco di conseguenza non informarmi a riguardo. Sappi invece, che i cardellini essendo molto forastici, impiegano moltissimo (anche anni)a tollerare la presenza dell'uomo. Per abituarlo gradatamente alla tua presenza ti consiglio di ospitarlo, per lo meno per i primi tempi, in una gabbia e non in una voliera, di coprirla integralmente o parzialmente a seconda del livello di "domesticità" raggiunto con un panno non troppo oscurante ma che lasci trasparire le ombre ed infine di dedicargli molto e molto tempo senza invadere troppo il suo limite di tolleranza alla tua prossimità fisica.
Poi progressivamente puoi togliere definitivamente la schermatura ed inserirlo in ambienti più spaziosi.
Excelsior!
R.N.A. 66 UX

S261097
Messaggi: 263
Iscritto il: 22 marzo 2011, 18:42
Località: Trento

Re: Tecnica d'ibridazione

Messaggio da S261097 » 2 novembre 2013, 19:01

ok grazie mille..
secondo voi una gabbia di queste dimensioni è sufficiente per le due canarine che coveranno insieme con il cardellino?
https://www.google.it/search?q=imac+ire ... B469%3B469
$IMONE

S261097
Messaggi: 263
Iscritto il: 22 marzo 2011, 18:42
Località: Trento

Re: Tecnica d'ibridazione

Messaggio da S261097 » 3 novembre 2013, 21:45

che ne dite?
$IMONE

charles4ever
Messaggi: 412
Iscritto il: 12 novembre 2011, 6:30

Re: Tecnica d'ibridazione

Messaggio da charles4ever » 6 novembre 2013, 4:57

E' una gabbia microscopica!
Per avere cardellini molto domestici (cosa difficilissima ma non impossibile!) devi tenerlo, come già hanno scritto, sempre nello stesso posto molto tranquillo, avere pazienza, non guardarlo mai direttamente se non per brevissimi istanti, non prenderlo in mano se non in casi eccezionali, e portargli tutti i giorni qualcosa di buono, tipo un biscotto, una fetta di frutta, un cucchiaino di semi di cardo o cicoria, un capolino di cardo mariano fresco, un capolino di tarassaco, ecc. Così ti assocerà a sensazioni piacevoli.

Charles

pier lorenzo orione
Messaggi: 17344
Iscritto il: 25 giugno 2009, 15:17

Re: Tecnica d'ibridazione

Messaggio da pier lorenzo orione » 6 novembre 2013, 9:47

x l'ibridazione di cui parli(1 cardellino x 2 canarine)queste gabbie sono assolutamente inadatte e scomode x te e x loro.Sono gabbie ornamentali adatte x essere inserite in un appartamento ,ma x la riproduzione non vanno bene.Cerca una volieretta rettangolare da 120 cm,con cassetto estraibile e griglia sul fondo e soprattutto divisorio in rete.

Mauro68
Messaggi: 195
Iscritto il: 24 febbraio 2013, 10:34
Località: Trentino

Re: Tecnica d'ibridazione

Messaggio da Mauro68 » 9 novembre 2013, 9:30

L'addomesticamento e la riproduzione in cattività sono due cose ben distinte. Per quest'ultima sono necessari spazi molto ampi, la volieretta rettangolare da 120 può andar bene: pier lorenzo docet!
Excelsior!
R.N.A. 66 UX

Rispondi