Il decalogo del nido (dei canarini)

Una preziosa fonte di informazioni su tutti le domande più frequenti sull'allevamento dei canarini. Una lettura da non perdere!

Moderatore: Max585

Rispondi
lancashire
Messaggi: 1355
Iscritto il: 15 settembre 2005, 16:17
Località: S.C.V.
Contatta:

Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da lancashire » 20 gennaio 2008, 21:39

Preso atto che siamo al 19 marzo (o giù di lì...)

Il decalogo del nido.

I) Costruzione: Il nido è normalmente composto da 3 elementi, portanido che può essere sia interno (e quindi si tratterà di un anello di ferro) o esterno (e quindi si tratterà di una similgabbietta), cestino che farà parte integrante con il nido effettivamente costruito dalla madre. Si sconsiglia di utilizzare gli appositi nidi in feltrino, i canarini già sono disabituati a molte attività che facevano in natura non togliamogli pure l'abilità a costruirsi il nido! Fare attenzione che il nido sia "ben costruito" e con materiale "giusto" la madre uscendo dal nido se alle condizioni precedenti si aggiungessero unghie lunghe, potrebbe inconsapevolmente disfarlo o portarsi appresso il contenuto.

II) Profondità: Se l'incavo del nido è troppo profondo i pullus non riescono ad alzare il sederino alla giusta altezza per defecare fuori dal nido, allora finiscono per lo sguazzare nelle proprie feci ed avere anche dei pericolosi tappi cloacali (da rimuovere) di feci secche appiccicate, che rendono impossibile la naturale defecazione occorrerà quindi sistemare il nido rifacendo la conca meno profonda. Se fosse poco profondo, potrebbe verificarsi il caso che nell'uscire dal nido bruscamente la madre potrebbe far rotolare fuori dal nido le uova o i pullus, provvedere a renderlo di giusta profondità aiutandovi con il bulbo di una lampadina ...se la lampadina fosse abbastanza calda attenzione a non bruciarvi, lo "stirereste" contestualmente; in mancanza con un mestolo (ma poi lavatelo!).

III) Anellini: In questa fase, per tentare di evitare il problema di eventuali nidacei buttati fuori dal nido a causa del tentativo della madre di pulire il nido da ogni corpo estraneo (anellino posto alla zampa del nidaceo), prima della costruzione del nido, posizionare strategicamente alcuni anellini intorno al nido, forse si indurrà nella madre la sensazione che sia fatica sprecata cercare di pulire il nido dagli anellini e molto probabilmente non si verificherà l'inconveniente!

IV) Spostare: Non spostare la gabbia dal momento che viene iniziata l'effettiva costruzione del nido, fino almeno all'implumazione dei nidacei (la madre potrebbe abbandonare il nido) La motivazione è abbastanza semplice, cambierebbe la prospettiva di visione della madre ed avrebbe la "sensazione" che "l'albero" su cui lo ha costruito sia stato spostato.

V) Grandezza: Usare o nidi interni o portanidi esterni relativamente più grandi, la canarina avrà più spazio per imboccare a rotazione, tutti i nidacei. I portanidi esterni in comune commercio sono generalmente troppo piccoli e la madre ha una sola posizione da cui imbeccare i figli e non riuscirà a vedere la richiesta d'imbocco dei pullus di pochissimi giorni e con pochissima mobilità che saranno coperti dal proprio petto.

VI) Materiali: Mettere a disposizione della juta o della sisal, per la costruzione del nido. Non usare la comune ovatta ne fili di plastica che potrebbero creare gravissimi problemi alle zampe dei canarini.

VII) Morbido: Controllare che per la costruzione del nido non vengano utilizzate le piume dei pullus, in questo caso mettere a disposizione materiale morbido, ad esempio canapa da idraulico tagliata a circa 4 cm di lunghezza o ovatta grezza da carrozziere o carta igienica strappata a pezzettini o a striscette sempre da circa 4 cm di lunghezza (la carta igienica si sporcherà prima!) come materiale per completare il nido, essendo questo materiale più morbido è nomalmente preferito alle piume dei figli.

VIII) Bagnetto: NON mettere il bagnetto a disposizione, potreste aumentare le possibilità di infezioni e morte embrionale!

IX) Umidità: Se siete bravi e l'umidità relativa dell'ambiente fosse insufficiente (per misurare la percentuale di umidità si utilzza un igrometro lo trovate come accessorio ai comuni orologi da casa), o lavate giornalmente il pavimento, o agganciate sotto il portanido in qualche maniera un bicchiere di plastica con dell'acqua da sostituire giornalmente, provocherà un locale aumento di umidità; se l'umidità fosse eccessiva potrete utilizzare un deumidificatore.

X) Involo: Tra il 15 ed il 20 giorno, i nidacei inizieranno a lasciare il nido, è questa l'occasione per "trasferire il nido" infatti se si usasse il portanido esterno, si consiglia di posizionare un nuovo nido interno gia costruito dall'allevatore in posizione bassa in modo da facilitare ai nidacei il ritorno nel nido ed a disabituarli dal vecchio nido che sarà rimesso successivamente all'incirca una settimana dopo in posizione, senza alcun materiale interno ma fornendo nuovo materiale, per una nuova covata.

Tratto dai Decaloghi dei canarini : Club Italiano Canarino Lancashire)

Credo possa essere un decente inizio di dibattito! ..
[color=#0000BF][b]Lino[/b] (Non allevatore 46FT) Skype = superelabora[/color]
[color=#BF0000][i]«Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.»

«E' più facile spezzare un atomo che un pregiudizio.»

Albert Einstein .[/i][/color]

ASSISTENZA CLIENTI

tel: 0823 14 99 478
cell: 389 24 90 671
shop@hobbyuccelli.it

Hobby Uccelli Shop

Per i tuoi acquisti ornitologici affidati ai professionisti!
Su Hobby Uccelli Shop trovi solo i migliori prodotti ed accessori per uccelli.
Prodotti disponibili in pronta consegna con SPEDIZIONE GRATIS in tutta Italia.
Vai al negozio online
giuseppe2603
Messaggi: 1426
Iscritto il: 12 marzo 2007, 15:07
Località: Milano

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da giuseppe2603 » 20 gennaio 2008, 22:10

..e su cosa??...............

manco sul bagnetto posso appigliarmi!... :x :x

ma sull'ovatta xò potrei farci un pensierino........ :lol: :lol:

a ciascuno il suo. :wink:

valerioz7
Messaggi: 171
Iscritto il: 26 ottobre 2007, 12:43

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da valerioz7 » 21 gennaio 2008, 16:42

scusa ma io il bagnetto lo devo mettere per forza cosa devo fare ad esso? se non hai capito leggi il mio topic canarini in cova e fammi sapere ciao :wink:

lancashire
Messaggi: 1355
Iscritto il: 15 settembre 2005, 16:17
Località: S.C.V.
Contatta:

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da lancashire » 21 gennaio 2008, 17:37

valerioz7 ha scritto:scusa ma io il bagnetto lo devo mettere per forza cosa devo fare ad esso? se non hai capito leggi il mio topic canarini in cova e fammi sapere ciao :wink:
Ho messo sul forum il decalogo delle uova .. dopo a seguire metterò su quello dei nidacei.
P.S. forse non hai letto bene il punto VIII di questo decalogo.
[color=#0000BF][b]Lino[/b] (Non allevatore 46FT) Skype = superelabora[/color]
[color=#BF0000][i]«Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.»

«E' più facile spezzare un atomo che un pregiudizio.»

Albert Einstein .[/i][/color]

Albatro
Messaggi: 599
Iscritto il: 8 gennaio 2006, 20:16

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da Albatro » 21 gennaio 2008, 19:23

Io aggiungerei anche il fatto che i nidi è preferibile che siano schermati, per dare maggiore tranquillità alla femmina.

Io ad esempio le gabbiette dei portanido esterni le rivesto con un pezzo di tessuto non tessuto, sui lati e sul tetto, lasciando libero lo sportellino posteriore,per eventuali ispezioni, ed ovviamente il lato di accesso dalla gabbia.
Con questo accorgimento ho notato che le femmine si spaventano meno e stanno + tranquille nel nido.

Giulio G.
Moderatori
Moderatori
Messaggi: 8495
Iscritto il: 28 marzo 2005, 0:31
Località: Modena, ma Bolognese !

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da Giulio G. » 21 gennaio 2008, 20:25

Nido interno di vimini, diametro (esterno) 11cm. profondità 6,5 / 7cm.
Questo è un nido x Arricciati, ottimo anche con Colore, Gloster ecc. chiaro che se lo usi x i Cardinalini d. V. non và bene.
Imbottitura, sfilacci di juta. Sarebbe interessante provare con il fieno.
Durante la cova dò il bagno ogni 2 gg. (serve umidità)
Si anella al 5°/6° giorno, poi si controlla x altri 2 giorni, chè non perdano l'anello.
E' preferibile ( se possibile) anellare i piccoli alla sera, poco prima del tramonto.
Lino, scusa, ma non sono molto "ortodosso".
Ciao.Giulio G.


Piano piano,senza fretta,un passo alla volta.

lancashire
Messaggi: 1355
Iscritto il: 15 settembre 2005, 16:17
Località: S.C.V.
Contatta:

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da lancashire » 21 gennaio 2008, 22:15

Giulio G. ha scritto:Nido interno di vimini, diametro (esterno) 11cm. profondità 6,5 / 7cm.
Questo è un nido x Arricciati, ottimo anche con Colore, Gloster ecc. chiaro che se lo usi x i Cardinalini d. V. non và bene.
Imbottitura, sfilacci di juta. Sarebbe interessante provare con il fieno."
Concordo solo in parte, per qualsiasi canarino e per nido interno bene, ma se si utilizza quella tipologia per gli arricciati credo che un nido da 12 - 13 sarebbe meglio, uso i cestelli da ricotta per i Lancashire (igienici ed a costo quasi zero) I portanido esterni in commercio sono normalmente troppo piccoli. Per quanto riguarda il fieno, credo che sia molto meglio quella specie di "peluria biancastra" che mi pare facciano gli alberi di pino, soffici vaporosi ed al periodo giusto!
Giulio G. ha scritto:Durante la cova dò il bagno ogni 2 gg. (serve umidità).

Concordo con te che serve in linea di massima umidità (servirebbe di più un igrometro per controllarla) ma esiste un articolo di ricercatori universitari chiaramente relativo alle uova di galline (quando ci associeremo per fare ricerche scientifiche sui canarini non sarà mai tardi) molto interessante sulle uova e sull'utilizzo dell'acqua sulle uova, ... che forse potrebbe svelare le motivazioni di un mucchio di morti embrionali. NON NE HO LA CERTEZZA ma sfrugugliando tra i SEGRETI CHE NON SI SVELANO ho rinvenuto anche NIENTE BAGNETTO, NIENTE SPRUZZATURE SULLA MADRE, NIENTE SPRUZZATURA SULLE UOVA ma ... dove spruzzare lo comunico a richiesta in privato altrimenti che segreto sarebbe [smilie=041.gif]
Giulio G. ha scritto:Si anella al 5°/6° giorno, poi si controlla x altri 2 giorni, chè non perdano l'anello.
E' preferibile ( se possibile) anellare i piccoli alla sera, poco prima del tramonto..

Questi ultimi tuoi due chiarimenti sono OFF TOPICS [smilie=041.gif] stiamo disquisendo di nido e non di nidacei [smilie=041.gif] dopo che pubblico il decalogo dei nidacei sarà gradito un tuo ottimo intervento ma ancora non siamo al 5 aprile [smilie=041.gif] Per quanto comunque riguarda la storia del "festone di anellini" messi preventivamente nel nido quando la madre lo costruisce, l'ho provato lo scorso anno e sembra che funzioni!
Giulio G. ha scritto:Lino, scusa, ma non sono molto "ortodosso".
Giulio, sei un grande!
[color=#0000BF][b]Lino[/b] (Non allevatore 46FT) Skype = superelabora[/color]
[color=#BF0000][i]«Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.»

«E' più facile spezzare un atomo che un pregiudizio.»

Albert Einstein .[/i][/color]

lancashire
Messaggi: 1355
Iscritto il: 15 settembre 2005, 16:17
Località: S.C.V.
Contatta:

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da lancashire » 21 gennaio 2008, 22:59

Albatro ha scritto:Io aggiungerei anche il fatto che i nidi è preferibile che siano schermati, per dare maggiore tranquillità alla femmina.

Io ad esempio le gabbiette dei portanido esterni le rivesto con un pezzo di tessuto non tessuto, sui lati e sul tetto, lasciando libero lo sportellino posteriore,per eventuali ispezioni, ed ovviamente il lato di accesso dalla gabbia.
Con questo accorgimento ho notato che le femmine si spaventano meno e stanno + tranquille nel nido.
Ciao, per quanto riguarda il rivestimento dei nidi se sono in posizione tranquilla per i canarini anche se utile non è indispensabile come per un cardellino o altre specie indigene ma chiaramente aiuta molto anche se ho notato, che non avendo riparo ed abituandosi alla condizione, vedendomi restano tranquillamente a covare e per guardare nel nido o devo farle uscire con del cibo ghiotto o li devo prendere di peso e toglierle dal nido.
La protezione a mio modesto parere potrebbe essere molto utile per trattenere una maggiore umidità locale.
[color=#0000BF][b]Lino[/b] (Non allevatore 46FT) Skype = superelabora[/color]
[color=#BF0000][i]«Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.»

«E' più facile spezzare un atomo che un pregiudizio.»

Albert Einstein .[/i][/color]

Albatro
Messaggi: 599
Iscritto il: 8 gennaio 2006, 20:16

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da Albatro » 19 febbraio 2009, 11:25

altro richiamo topic....

leggete ragazzi..leggete!!!!

piumagialla
Messaggi: 85
Iscritto il: 5 gennaio 2009, 20:06

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da piumagialla » 19 febbraio 2009, 23:13

in un punto c'e' scritto che non bisogna spostare la gabbia perche' la femmina potrebbe abbandonare il nido. ma come faccio a pulire la gabbia ? e' posizionata in alto, la devo pure pulire e percio' la devo spostare . che devo fare?
credere in un sogno è il primo passo per farlo diventare realtà.

gnagnax
Messaggi: 2993
Iscritto il: 16 ottobre 2007, 19:23
Località: messina

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da gnagnax » 19 febbraio 2009, 23:15

infatti,apunto conviene comprare le gabbie con il cassetto estraibile in modo da facilitare la pulizia e non disturbare più di tanto la femmina.......... :wink:
[color=#FF0000]Non smettere di cercare ciò che ami o finirai per amare ciò che trovi[/color]

Roncoman
Messaggi: 193
Iscritto il: 26 settembre 2007, 11:26
Località: S.Antonino T. (Va)

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da Roncoman » 21 febbraio 2009, 14:35

Io non ho i cassettini estraibile, quindi per pulire le gabbie le devo spostare, per forza... mi sono accorto che le canarine (le mie almeno) non sembrano molto disturbate da ciò. alcune volte capita che si alzino dal nido, altre succede che non facciano una piega. io pulisco la gabbia nel minor tempo possibile e poi rimetto la gabbia nello stesso posto in cui era prima della pulizia. Le femmine che non si erano alzate dal nido vanno avanti tranquille a covare, quelle che si erano alzate invece ritornano subito al nido.
Poi tieni conto che intanto che covano la gabbia la pulirò 2 volte circa, non è poi un gran fastidio...
"Per noi l'impossibile è solo improbabile" (Cit.)

Fausto
Messaggi: 2742
Iscritto il: 16 luglio 2006, 19:29
Località: Prov. MI

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da Fausto » 21 febbraio 2009, 14:49

Roncoman ha scritto:Io non ho i cassettini estraibile, quindi per pulire le gabbie le devo spostare, per forza... mi sono accorto che le canarine (le mie almeno) non sembrano molto disturbate da ciò. alcune volte capita che si alzino dal nido, altre succede che non facciano una piega. io pulisco la gabbia nel minor tempo possibile e poi rimetto la gabbia nello stesso posto in cui era prima della pulizia. Le femmine che non si erano alzate dal nido vanno avanti tranquille a covare, quelle che si erano alzate invece ritornano subito al nido.
Poi tieni conto che intanto che covano la gabbia la pulirò 2 volte circa, non è poi un gran fastidio...
Se le tue femmine si comportano in questo modo, vai tranquillo.
Ho una canarina bianca che quando cova si lascia tranquillamente prendere in mano piuttosto che allontanarsi dal nido.
In generale è ovviamente molto meglio avere il cassetto estraibile perchè permette la pulizia del fondo senza spostare la gabbia, risparmiando tempo all'allevatore e stress ai soggetti.
[b][color=#4040FF]RNA 29HM[/color][/b]
[color=#4040FF][i]" Meglio stare zitti e dare l'impressione di essere stupidi, che aprir bocca e togliere ogni dubbio "[/i][/color] - J. J. Rousseau
[color=#FF0000][b]No messaggi privati, per favore. Le domande vanno postate nel forum. Grazie[/b][/color]

Giulio G.
Moderatori
Moderatori
Messaggi: 8495
Iscritto il: 28 marzo 2005, 0:31
Località: Modena, ma Bolognese !

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da Giulio G. » 22 febbraio 2009, 11:50

piumagialla ha scritto:in un punto c'e' scritto che non bisogna spostare la gabbia perche' la femmina potrebbe abbandonare il nido. ma come faccio a pulire la gabbia ? e' posizionata in alto, la devo pure pulire e percio' la devo spostare . che devo fare?
E' doveroso un chiarimento.
Quando si scrive "non spostare la gabbia" si intende "non cambiare posto alla gabbia".
La gabbia si può muovere per pulirla, c'è chi tiene la gabbia sopra uno scaffale, chiaro che devi muoverla per pulirci sotto!
L'importante è che, finita la pulizia, la gabbia venga riposizionata esattamente dove si trovava prima !!
Spero di aver chiarito gli eventuali dubbi, dati dalla frase "non spostare la gabbia".
Ciao.Giulio G.


Piano piano,senza fretta,un passo alla volta.

gianlucabari
Messaggi: 79
Iscritto il: 16 febbraio 2009, 22:41

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da gianlucabari » 22 febbraio 2009, 22:09

scusate le mie solite domande da ignorante....ma nel caso ci dovesse essere un accoppiamento e il nido non è ancora stato messo cosa accade?....la femmina cova x terra?....poi andrebbe spostato tutto nel nido?.....vi ringrazio già per la risposta e i vostri decaloghi sono a dir poco fantastici....
COMPLIMENTONI

Artax
Messaggi: 433
Iscritto il: 19 giugno 2007, 18:42

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da Artax » 9 marzo 2009, 13:08

ciao a tutti
uso il portanido esterno ma senza il cestino di vimini,xkè così il nido risulterà + capiente.faccio bene?

gianlucabari
Messaggi: 79
Iscritto il: 16 febbraio 2009, 22:41

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da gianlucabari » 31 marzo 2009, 20:34

la mia coppia è alla seconda cova..... lei ha già deposto2 uova... come mai il maschio va ad attaccarla nel nido?...ma si picchiano proprio...come mai?

piumagialla
Messaggi: 85
Iscritto il: 5 gennaio 2009, 20:06

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da piumagialla » 12 aprile 2009, 17:38

secondo me, faresti bene a separarli, visto che già ha deposto le uova.
credere in un sogno è il primo passo per farlo diventare realtà.

ciccio79
Messaggi: 122
Iscritto il: 21 aprile 2009, 12:32

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da ciccio79 » 26 aprile 2009, 12:58

...ragazzi mi sta venendo un dubbio....alla mie gabbie da cova ho messo dei portanidi esterni di quelli con il cestello in plastica tipo spicchi che lassciano delllo spazio perche' composti da tante mezze lune....e quindi trovo sistematicamente il materiale per fare il nido per terra ,perche' quando la canarina porta lo juta nel nido parekkio cade a terra....vorrei quindi sapere se questa cosa e' normale,o devo cambiare nido oppure quando la canarina vorra' farsi veramente il nido sapra' come fare?

Fausto
Messaggi: 2742
Iscritto il: 16 luglio 2006, 19:29
Località: Prov. MI

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da Fausto » 26 aprile 2009, 13:59

ciccio79 ha scritto: devo cambiare nido oppure quando la canarina vorra' farsi veramente il nido sapra' come fare?
Lascia fare a lei, vai tranquillo. :wink:
[b][color=#4040FF]RNA 29HM[/color][/b]
[color=#4040FF][i]" Meglio stare zitti e dare l'impressione di essere stupidi, che aprir bocca e togliere ogni dubbio "[/i][/color] - J. J. Rousseau
[color=#FF0000][b]No messaggi privati, per favore. Le domande vanno postate nel forum. Grazie[/b][/color]

ciccio79
Messaggi: 122
Iscritto il: 21 aprile 2009, 12:32

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da ciccio79 » 26 aprile 2009, 14:40

grazie fausto.....un'ultima cosa.....visto ke si strappava delle piume da dosso....mo messo nella gabbia nake un po' d'ovatta cotononata a piccoli pezzetti....si e' praticamente avventata sull'ovatta...e' comunque un buon materiale per il nido oltra allo juta o e' meglio evitare l'ovatta?

Fausto
Messaggi: 2742
Iscritto il: 16 luglio 2006, 19:29
Località: Prov. MI

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da Fausto » 26 aprile 2009, 14:45

ciccio79 ha scritto:grazie fausto.....un'ultima cosa.....visto ke si strappava delle piume da dosso....mo messo nella gabbia nake un po' d'ovatta cotononata a piccoli pezzetti....si e' praticamente avventata sull'ovatta...e' comunque un buon materiale per il nido oltra allo juta o e' meglio evitare l'ovatta?
C'è un tipo particolare di cotone idrofilo che può attorcigliarsi alle zampine talvolta causandone la cancrena. Sono solito usare solamente juta, ognuno però ha il proprio metodo.
[b][color=#4040FF]RNA 29HM[/color][/b]
[color=#4040FF][i]" Meglio stare zitti e dare l'impressione di essere stupidi, che aprir bocca e togliere ogni dubbio "[/i][/color] - J. J. Rousseau
[color=#FF0000][b]No messaggi privati, per favore. Le domande vanno postate nel forum. Grazie[/b][/color]

gianlucabari
Messaggi: 79
Iscritto il: 16 febbraio 2009, 22:41

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da gianlucabari » 26 aprile 2009, 20:32

ciao ragazzi
a quanti giorni dalla nascita posso cambiare il nido ai pulli? visto che è un pò sporco?....e poi se lo cambio la madre entra comunque nel nido? potrebbe abbandonarlo?...
dopo quanti giorni dalla nascita non dorme più nel nido.
scusae per le tante domande e grazie per le risposte

Fausto
Messaggi: 2742
Iscritto il: 16 luglio 2006, 19:29
Località: Prov. MI

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da Fausto » 26 aprile 2009, 21:07

gianlucabari ha scritto: ciao ragazzi
a quanti giorni dalla nascita posso cambiare il nido ai pulli?
Quando è pieno di cacca.
gianlucabari ha scritto: e poi se lo cambio la madre entra comunque nel nido ?

C'è un posto più comodo ? Non credo
gianlucabari ha scritto: potrebbe abbandonarlo ?
La maggior parte delle volte vi fa ritorno tranquillamente. Rimettilo esattamente nella stessa posizione.
Se puoi cambiare il nido senza spostare la gabbia è meglio.

gianlucabari ha scritto: dopo quanti giorni dalla nascita non dorme più nel nido.
Dipende dal pullo. Ogni pullo ha il proprio cervello. C'è il pullo intraprendente ( solitamente è quello che dà l'esempio ai fratelli su quando uscire dal nido, su come usare il beverino, su come sbucciare i semi ) e c'è quello più timoroso.
Ho avuto canarini che hanno abbandonato il nido a 15 giorni e canarini a cui ho notificato lo sfratto dal nido dopo 19 giorni. :mrgreen:
[b][color=#4040FF]RNA 29HM[/color][/b]
[color=#4040FF][i]" Meglio stare zitti e dare l'impressione di essere stupidi, che aprir bocca e togliere ogni dubbio "[/i][/color] - J. J. Rousseau
[color=#FF0000][b]No messaggi privati, per favore. Le domande vanno postate nel forum. Grazie[/b][/color]

gianlucabari
Messaggi: 79
Iscritto il: 16 febbraio 2009, 22:41

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da gianlucabari » 27 aprile 2009, 12:47

scusami Fausto quindi potrei sfrattarli anche al 19esimo giorno dal nido?

Fausto
Messaggi: 2742
Iscritto il: 16 luglio 2006, 19:29
Località: Prov. MI

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da Fausto » 27 aprile 2009, 17:23

gianlucabari ha scritto:scusami Fausto quindi potrei sfrattarli anche al 19esimo giorno dal nido?
Se proprio vuoi essere prudente aspetta 3 settimane ( anche se non cambia niente ).
L'importante è che i pulli una volta fuori dal nido non si mettano a far danni = rompere le scatole alla mamma che cova, occupare il secondo nido, fare la cacca sulle uova.
[b][color=#4040FF]RNA 29HM[/color][/b]
[color=#4040FF][i]" Meglio stare zitti e dare l'impressione di essere stupidi, che aprir bocca e togliere ogni dubbio "[/i][/color] - J. J. Rousseau
[color=#FF0000][b]No messaggi privati, per favore. Le domande vanno postate nel forum. Grazie[/b][/color]

stefanuzzu
Messaggi: 89
Iscritto il: 27 aprile 2009, 14:50

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da stefanuzzu » 15 maggio 2009, 10:48

ma i genitori dai piccoli si devono dividere con il separatoio?? dopo ke viene inserito il nuovo nido??

Alex1977
Messaggi: 4236
Iscritto il: 4 giugno 2007, 14:52
Località: Palermo

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da Alex1977 » 15 maggio 2009, 11:04

Inizialmente no perchè è troppo piccolino e avrebbe difficoltà a venire alimentato.
Lascia tutti insieme per il momento, cambia solo posizione al vecchio nido ed inserisci il nuovo con il materiale.
Inizierà la costruzione e gli accoppiamenti, non appena deposte le nuove uova puoi mettere il separatore lasciando il piccolo da solo (verrà alimentato dal padre attraverso la griglia) oppure col padre. Intanto avrà 24/25 giorni e sarà quasi autonomo.

Spero di esserti stato d'aiuto.

Ciao, Alex.

Fausto
Messaggi: 2742
Iscritto il: 16 luglio 2006, 19:29
Località: Prov. MI

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da Fausto » 15 maggio 2009, 11:14

stefanuzzu ha scritto:ma i genitori dai piccoli si devono dividere con il separatoio?? dopo ke viene inserito il nuovo nido??
Personalmente divido i genitori dai piccoli appena vedo che giromzolano fuori dal nido ( e ti assicuro che anche se il nido è in alto e un pullo è sul fondo è perfettamente in grado di ritornarci ), indipendentemente dal fatto che ci sia il nuovo nido oppure no.
[b][color=#4040FF]RNA 29HM[/color][/b]
[color=#4040FF][i]" Meglio stare zitti e dare l'impressione di essere stupidi, che aprir bocca e togliere ogni dubbio "[/i][/color] - J. J. Rousseau
[color=#FF0000][b]No messaggi privati, per favore. Le domande vanno postate nel forum. Grazie[/b][/color]

Alex1977
Messaggi: 4236
Iscritto il: 4 giugno 2007, 14:52
Località: Palermo

Re: Il decalogo del nido (dei canarini)

Messaggio da Alex1977 » 15 maggio 2009, 11:46

Io invece preferisco lasciare i pulli il più possibile con i genitori per imparare da loro l'arte dello svezzamento.
Non disturbano la madre o danneggiano le uova perchè non appena tolte quelle finte (sporche di cacca quasi sempre) ed inserite quelle vere hanno circa 25/26 giorni. A quel punto sono grandi e non disturbano tanto, anche perchè la madre ha iniziato la cova assidua e raramente esce dal nido.

Ovviamente esistono casi in cui anche io li divido prima, valuto di caso in caso.

Ciao, Alex.

Rispondi