Passerotto caduto dal nido che non vola

Chiedi aiuto per i nidiacei in difficoltà caduti dal nido.
Rispondi
robmango
Messaggi: 1
Iscritto il: 11 agosto 2022, 8:56

Passerotto caduto dal nido che non vola

Messaggio da robmango »

Buongiorno a tutti. Il primo Luglio a seguito di un forte vento sono caduti 4 passerotti dalla grondaia, in una scatola metallica di raccolta (vivo in campagna). Li abbiamo presi e spostati li accanto in un secchio aperto per metterli in sicurezza e consentire alla mamma di trovarli. Così è stato, solo che dopo due giorni la mamma ha smesso di far visita e dopo essercene accertati abbiamo deciso di intervenire. Purtroppo solamente due passerotti erano ancora vivi. Li abbiamo presi e abbiamo iniziato l'alimentazione tramite siringa, grazie ai numerosi consigli letti sul forum. Purtroppo dopo qualche ora anche un altro passerotto è morto. I passerotti avevano già gli occhi aperti, quindi non erano proprio piccolissimi, anche se davvero minuscoli. I primi giorni abbiamo nutrito il passerotto con omogenizzato al manzo e alla mela, però mangiava poco, sono riuscita poi a procurarmi il pastoncino per nidiacei, e da li ha iniziato a mangiare con gusto e regolarmente, ogni ora- ora e mezza e in seguito due. Poi ha iniziato a mangiare da solo e abbiamo introdotto accanto al pastoncino la mela grattugiata, l' interno dei savoiardi inumidito, verdura grattugiata, fino a quando ha iniziato a mangiare i semi che comunque aveva sempre a disposizione abbandonando il resto, tranne il biscotto, quello gli piace sempre :D.
Abbiamo realizzato una voliera di fortuna che adesso vorremmo ricostruire per renderla più sicura, più grande e più facile da pulire. Il passerotto mi sembra abbastanza piccolo, non ha sviluppato il piumaggio della coda però, fa dei bei salti da un trespolo all'altro,è molto attivo, ma quando lo lasciamo libero in un posto sicuro, fa dei saltelli ma non vola. Sbatte le ali come se volesse prendere il volo, ma non riesce. Scrivo proprio per chiedere informazioni a riguardo, poiché mio padre dice che, secondo lui, dovremmo aspettare la prossima primavera per lasciarlo libero, perché per ora è troppo piccolo e ora ci sono tantissime gazze e altri pericoli e qui l'inverno arriva subito ed è molto rigido e secondo lui non ce la farebbe. A me dispiace l'idea di tenerlo in gabbia per tutto questo tempo, vorrei che imparasse a volare per ricongiungersi con i suoi simili, che comunque cerca e a cui cinguetta.
Come dobbiamo comportarci e cosa dobbiamo fare?
Lui è, per fortuna credo, abbastanza diffidente nei nostri confronti dal momento che aveva già gli occhi aperti quando lo abbiamo trovato, non mi sembra impaurito, però sicuramente se mi avvicino non mi viene incontro, ecco.
Adesso sta mangiando anche un mix comprato online che viene dalla Germania appositamente per passerotti in cui ci sono anche le camole della farina essiccate che ho visto che gli piacciono tantissimo, così ho comprato online una confezione di camole essiccate sempre, perché vive qui non saprei dove trovarle e mi chiedevo se posso lasciargliene in abbondanza e si autoregola o se devo dargliene un tot. al giorno.
Allego foto del passerotto appena trovato e del passerotto oggi.
Grazie a chi risponderà :)


ASSISTENZA CLIENTI

tel: 0823 14 99 478
cell: 389 24 90 671
shop@hobbyuccelli.it

Hobby Uccelli Shop

Per i tuoi acquisti ornitologici affidati ai professionisti!
Su Hobby Uccelli Shop trovi solo i migliori prodotti ed accessori per uccelli.
Prodotti disponibili in pronta consegna con SPEDIZIONE GRATIS in tutta Italia.
Vai al negozio online
pier lorenzo orione
Messaggi: 19488
Iscritto il: 25 giugno 2009, 15:17

Re: Passerotto caduto dal nido che non vola

Messaggio da pier lorenzo orione »

in autunno dovrebbe fare la muta del piumaggio che nei passeri è totale ,perdono le piume e penne da nidiacei e gli crescono quelle da adulto e potrà volare ,ma deve essere tenuto in una gabbia spaziosa e lasciato spesso libero in una stanza in modo che possa esercitare i muscoli delle ali ,se sta in gabbia non potra volare bene da poter essere liberato e avere qualche possibilità di sopravvivere ( sempre scarse)
Rispondi