Gli uccelli delle Alpi, come riconoscerli, dove e quando osservarli

Di: Hobby Uccelli - Foto: Hobby Uccelli - Pubblicato il: 29/09/2010

Copertina del libro: Uccelli delle Alpi

Casa editrice: Blu Edizioni

Autori: Bruno Caula, Pier Luigi Beraudo e Massimo Pettavino.

Formato: 14x22 cm.

Pagine: 320 pagine e circa 600 immagini.

Recenzione: “Gli uccelli delle Alpi, come riconoscerli, dove e quando osservarli”, scritto da Bruno Caula, Pier Luigi Beraudo e Massimo Pettavino, edito dalla casa editrice “Blu Edizioni” nel formato 14x22 cm, è costituito da 320 pagine e da oltre 600 immagini e fotografie a colori che illustrano la flora e soprattutto la fauna ornitologica dei paesaggi alpini.

Una guida completa e dettagliata, arricchita di foto ed immagini, che ha come obiettivo la descrizione delle oltre 130 specie di uccelli che popolano e/o vivono le Alpi, fornendo informazioni utili su habitat, caratteristiche, alimentazione e abitudini migratorie.

Grazie alle medie dimensioni, la guida si propone come strumento indispensabile per il birdwatcher che decide di avventurarsi alla ricerca di emozioni in quei magnifici ed incantevoli paesaggi che fanno parte della catena montuosa delle Alpi.

Come ogni guida che si rispetti le prime pagine sono dedicate alla presentazione del paesaggio alpino descrivendo in maniera semplice, ma al contempo approfondita, l’ecosistema, offrendo al lettore anche informazioni generali su come utilizzare e/o consultare il testo, per meglio comprendere la terminologia e simbologia adottata.

Ogni specie di uccello è raccontata in un’apposita scheda in cui, oltre al nome volgare in lingua italiana, inglese, francese e tedesco, è riportato anche il nome scientifico in latino e soprattutto la Famiglia e l’Ordine a cui l’uccello appartiene.

A completare le schede, che iniziano con il Germano Reale (Anas platyrhynchos) e terminano con l’Ortolano (Emberizia hortulana), ci sono descrizioni, fotografie ed immagini accuratamente commentate ed una precisa simbologia che illustra l’areale di distribuzione, l’altimetria, ovvero la fascia altitudinale in cui la specie è maggiormente diffusa, il tipo di alimentazione, le dimensioni rapportate a quelle di una mano aperta (se l’uccello è piccolo) oppure alla sagoma di un uomo (se l’uccello è medio-grande), l’habitat, la silhouette e l’apertura alare.

In copertina: immagine suggestiva di un’aquila reale che ad ali spiegate vola nel cielo blu, sovrastando le cime rocciose che costituiscono la catena delle Alpi.

Pagina interna e Copertina Gli uccelli delle alpi

Nella foto un esempio di pagina interna, con scheda dettagliata, e copertina de libro.

Network

Deda Web - Soluzioni avanazate per il web Annunci Natura Trova Natura - La natura a portata di mouse