Le mostre ornitologiche

Spesso in redazione giungono e-mail di utenti che chiedono informazioni sulle mostre ornitologiche che si svolgono in Italia  e per questo motivo, certi di fare cosa gradita, abbiamo deciso di scrivere questo articolo con il quale cerchiamo di  spiegare in modo abbastanza semplice, ma si spera esauriente, il mondo delle manifestazioni ornitologiche.

Canarini esposti in una mostra Ornitologiche
Foto 1 Nella fotografia un tipico scorcio di gabbie da esposizione in una mostra ornitologica, da notare la scheda di giudizio allegata d ogni gabbia nella quale il giudice riporta il punteggio del singolo uccello. Foto Hobby Uccelli

Prima di addentrarci nel cuore dell’argomento è fondamentale fare una precisazione in merito al termine “ornitologiche”, infatti, dal momento in cui si fa riferimento ad esposizioni di uccelli domestici e quindi uccelli da gabbia e voliera, sarebbe più corretto la definizione “Mostre di Orticoltura o Ornitofilia” ma poiché la definizione “Mostre Ornitologiche” è ormai diffusa nel gergo comune, anche noi in questo articolo ci limiteremo ad utilizzarla.

Che cosa sono le Mostre Ornitologiche

Le mostre ornitologiche sono delle manifestazioni dove gli uccelli domestici, di varie razze, specie e mutazioni, vengono esposti al pubblico e fatti gareggiare in base a determinati requisiti estetici che un’apposita commissione ha redatto per ogni specie.

In realtà le mostre ornitologiche non si limitano solo all’esposizione degli uccelli, ma sono anche degli eventi che hanno un riscontro sociale poiché amici ed appassionati che condividono la stessa passione, ne approfittano per incontrarsi, confrontarsi, rinsaldare vecchie e durature amicizie e scambiarsi consigli e pareri per migliorare il proprio ceppo di uccelli e quindi il proprio allevamento amatoriale.
Le mostre ornitologiche, generalmente, vengono allestite in appositi locali mostra che devono soddisfare alcuni requisiti fondamentali per il benessere e la sicurezza degli uccelli esposti e naturalmente per i visitatori e tutte le persone coinvolte nell’organizzazione della manifestazione ornitologica.

Tutti gli uccelli vengono esposti, singolarmente, in apposite gabbie, generalmente chiamate gabbie da esposizione, di dimensioni adeguate e proporzionate alle dimensioni e alla struttura degli uccelli stessi in modo da garantire sempre il benessere fisico all’animale.

Ogni specie o razza è in competizione con uccelli appartenente alla propria categoria, in questo modo si evita che ad esempio un Canarino possa gareggiare con un Diamante di Gould, in quanto essendo uccelli completamente diversi è impossibile effettuare un confronto valutativo basato essenzialmente sulle caratteristiche fisiche ed estetiche.

Il giudizio di valutazione, per ogni singolo uccello esposto, viene effettuato da giudici qualificati che in base  alla specie esposta valutano i singoli uccelli con riferimento allo Standard d’eccellenza ovvero l’insieme di caratteristiche e requisiti standard che gli uccelli partecipanti alle mostre dovranno possedere e in base al quale viene effettuata la valutazione.

L’organizzazione di una manifestazione ornitologica

L’organizzazione e l’allestimento della manifestazione è generalmente curata da un’associazione di ornicoltori  regolarmente riconosciuta ed affiliata alla FOI (Federazione Ornicoltori Italiana)  la quale ricordiamo è un ente che raggruppa tutti gli appassionati ornicoltori e gli allevatori di uccelli.

Per correttezza  precisiamo che la FOI in Italia non è l’unica associazione di ornicoltori, ma ne esistono diverse ugualmente impegnate nel divulgare il rispetto e l’amore per la natura e nello specifico per gli uccelli e naturalmente impegnate nell’organizzazione di mostre e manifestazioni ornitologiche.

A tal proposito possiamo citare: AOE (Associazione Ornitologica Europea) oppure la UIO (Associazione Italiana Ornitofili).

Diamante di Gould vincitore alla mostra ornitologica
Foto 1 Gli uccelli vincitori, per ogni categoria a concorso, vengono contrassegnati con delle coccarde. Nella foto un Diamante di Gould primo classificato durante una mostra ornitologica. Foto Hobby Uccelli

Alle mostre ornitologiche possono partecipare, come espositori, tutti gli allevatori regolarmente iscritti ad un’associazione di ornicoltori esponendo i propri uccelli e come semplici visitatori tutte le persone appassionate che vogliono trascorrere qualche ora del proprio tempo immersi tra un’esplosione di colori e versi che solo questi particolarissimi animali possono e sanno regalare.

A tal proposito le mostre ornitologiche, che generalmente durano circa 6-7 giorni, possono essere suddivise in quattro fasi ben distinte:

  1. Ingabbio: è quella fase in cui tutti gli allevatori che vogliono partecipare alla mostra e che hanno effettuato una regolare iscrizione, portano e lasciano i propri uccelli in mostra. Gli uccelli che partecipano al concorso vengono lasciati nei locali per tutta la durata dell’esposizione e in questo periodo sono curati ed accuditi dal comitato organizzativo. Generalmente in funzione anche dell’importanza della mostra, questa fase può durare da 1 ai  2 o più giorni.
  2. Giudizio: è quella fase in cui, ingabbiati tutti gli uccelli che dovranno partecipare alla manifestazione, i giudici iniziano la valutazione degli uccelli assegnando dei punteggi che possono arrivare per ogni uccello esposto ad un massimo teorico (poiché nessun uccello raggiunge la perfezione) di 100 punti. L’operazione di giudizio viene generalmente effettuata a porte chiuse e nessuno ad eccezione dello staff organizzativo può assistere affinché si possa garantire, da parte dei giudici, una valutazione serena senza influenze esterne. Ultimamente, soprattutto ai fini divulgativi, sempre più mostre organizzano il giudizio a  porte aperte dove gli allevatori possono assistere alla procedura di  valutazione dei singoli uccelli esposti ai fini di capire ed apprezzare i difetti ed i pregi di ogni singolo animale.
  3. Esposizione: è quella fase in cui vengono aperte le porte al pubblico, allevatori compresi, e durante la quale è possibile osservare tutti gli uccelli esposti e i relativi punteggi e risultati ottenuti. A questa fase di solito sono destinati gli ultimi due giorni che generalmente coincidono con il Sabato e la Domenica.
  4. Sgabbio: è l’ultima fase di una mostra ornitologica che viene effettuata a chiusura della manifestazione e alla quale possono partecipare solo gli allevatori che hanno partecipato alla mostra, poiché consiste nel ritirare i propri uccelli. Questa fase viene effettuata di solito nelle ore successive alla chiusura della mostra.

Suddivisione delle mostre ornitologiche

In Italia, ogni anno, vengono organizzate diverse decine di mostre e manifestazioni  ornitologiche, dalle diverse associazioni di ornicoltori dislocate su tutto il territorio italiano, di diverso tipo ed importanza in funzione se si tratta di una manifestazione ornitologica divulgativa, una mostra ornitologica sociale, una mostra ornitologica specialistica, un campionato regionale, una mostra internazionale, il campionato italiano di ornicoltura o il campionato mondiale di ornicoltura.

Foto 1 Le mostre ornitologiche rappresentano per l’allevatore il momento più importante di un anno di duro lavoro nella cura e la selezione dei propri uccelli, perchè durante lo svolgimento può effettivamente raccogliere i frutti dell’impegno e della passiona.
Foto Hobby Uccelli
    1. Campionato mondiale di ornicoltura: è la massima rappresentazione ornitologica a cui tutti gli allevatori sportivi ambiscono a partecipare e vincere. Questo tipo di manifestazione ornitologica si svolge una volta l’anno, generalmente nel mese di Gennaio, ed è ospitata di volta in volta da un paese diverso. A questa tipologia di manifestazione possono partecipare tutti gli allevatori del mondo. L’ultimo campionato mondiale che si è svolto in Italia si è tenuto nel 2009 a Piacenza ed è stato organizzato direttamente dalla FOI.
    2. Campionato italiano di ornitologia: generalmente è la manifestazione ornitologica che chiude il periodo delle mostre. Si svolge nel mese di dicembre, prima delle vacanze natalizie, ed ogni anno viene ospitato in una città diversa ed organizzato da un’associazione o da un gruppo di associazioni ornitologichediverse. A questa tipologia di mostra possono partecipare tutti gli allevatori italiani regolarmente iscritti alla FOI e generalmente vengono ingabbiati diverse migliaia di uccelli.
    3. Mostre ornitologiche internazionali: sono delle manifestazioni ornitologiche a cui,  anche se organizzate in territorio italiano da associazioni italiane,  possono partecipare come espositori anche allevatori esteri.
      In Italia vengono organizzate diverse mostre internazionali.
    4. Campionato regionale di ornitologia: è una mostra organizzata nell’ambito di una regione a cui possono partecipare tutti gli allevatori iscritti ad un’associazione della regione stessa.
    5. Mostre ornitologiche specialistiche: sono delle mostre monotematiche che vengono organizzate esclusivamente su una specie di uccello e a cui possono partecipare tutte le variati relative a quella determinata specie. In Italia vengono organizzate diverse mostre specialistiche, ad esempio troviamo la specialistica del diamante di gould, la specialistica dei canarini di razza spagnola, la specialistica dei cardellini, ecc.
    6. Mostre ornitologiche sociali e divulgative: generalmente si tratta di piccole rappresentazioni dove il numero di uccelli esposti difficilmente raggiunge la migliaia, che vengono realizzate esclusivamente con scopo divulgativo e sociale.

    Curiosità ed informazioni sulle mostre ornitologiche

    L’ingresso alle mostre ornitologiche, nei giorni di apertura al pubblico, è generalmente libero ma tuttavia vi sono alcune manifestazioni che richiedono il pagamento di un biglietto di ingresso a titolo di contributo spesa per sostenere i costi dell’organizzazione.

    All’interno dei locali mostre possono essere adibiti degli appositi spazi destinati allo scambio e alla vendita di uccelli dove è pertanto possibile interfacciarsi direttamente con allevatori ed acquistare soggetti di qualità.

Precedente

Selezione del canarino di razza spagnola

Intervista ad Ivana Coniglione allevatrice di pappagalli

Successivo

Lascia un commento